cibi reflusso

Consumare cibi e bevande acidi come caramelle gommose, pomodori o caffè può causare una sensazione di bruciore che ti fa sentire come un drago a pochi secondi dal soffiare sul fuoco.

Sfortunatamente, quel dolore lancinante non è il respiro del drago; È solo bruciore di stomaco, segno di reflusso acido. Lo senti quando l’acido nello stomaco inizia a irritare l’esofago.

Scopri i benefici dello zenzero su Besteat!

In questo articolo, forniamo un elenco di cibi acidi comuni che dovresti evitare, soprattutto quando avverti sintomi di reflusso acido.

Cosa innesca il reflusso acido?

Le cause del reflusso acido possono essere correlate alla dieta, al livello di stress o alla storia medica. Indipendentemente dal motivo, gli alimenti che mangi possono scatenare i sintomi e peggiorare ulteriormente il tuo disagio.

Gli alimenti che consumiamo possono essere acidi (pH 0-6,9), alcalini (pH 7,1-14) e neutri (pH 7), a seconda del loro valore di pH. Abbiamo messo insieme un elenco di cibi acidi comuni da evitare appartenenti a quattro gruppi: frutta, bevande, latticini e snack. Dai un’occhiata al nostro elenco per vedere se la tua dieta causa bruciore di stomaco.

Cibi acidi da evitare se soffri di reflusso acido

Frutta acida

I frutti sono quasi esclusivamente acidi poiché contengono acidi organici come l’acido malico e citrico che conferiscono loro il loro sapore agrodolce unico.

Potrebbe essere saggio evitarli quando si verificano sintomi di reflusso acido.

Contengono però preziose sostanze nutritive come vitamine e minerali e sono anche ricchi di fibre naturali. Se non vuoi perdere i loro benefici per la salute, puoi consumarli con moderazione o combinarli con cibi alcalini.

Ecco un elenco dei frutti da evitare in caso di bruciore di stomaco, dal più acido al meno.
pH della frutta

  • Limoni (e succo di limone) da 2 a 2,6
  • Uva da 2,9 a 3,8
  • Pompelmo da 3 a 3,7
  • mirtilli da 3 a 3,3
  • fragole da 3 a 3,5
  • Lamponi da 3,2 a 3,6
  • mele da 3,3 a 4
  • Ananas da 3,2 a 4
  • arance da 3,6 a 4,3
  • Pomodori da 4,3 a 4,9

Noterai che i limoni sono estremamente acidi. Ti consigliamo di sostituire il succo di limone con quello di pomodoro o il succo d’arancia con le vinaigrette o di saltarlo del tutto.

Cantalupi, angurie e meloni hanno un pH compreso tra 5,5 e 6,5 e possono essere consumati con moderazione. L’unico frutto non acido è il cocco, che ha un pH pari a 7. Viene spesso consumato con altri frutti per neutralizzare l’acidità.

Per quanto sia difficile per noi dirlo, le bevande più deliziose che beviamo durante i nostri pasti e spuntini sono… acide. Abbiamo compilato un elenco di bevande che potrebbero essere dannose per te quando avverti i sintomi del reflusso acido.

Bevande e pH

Limonata da 2 a 3


Gatorade da 2,9 a 3,3

——————————-
Vino da 3 a 3,

—————————–
Birra da 4 a 4,5

———————————
Soda club da 4,4 a 4,7

———————————-
Tè da 4,9 a 5,5

———————————
Caffè da 5 a 5,5

——————————
Acqua frizzante da 5 a 6

Tieni presente che il pH della Coca Cola, come della Pepsi, può cambiare a seconda del suo sapore. Ad esempio, la Diet Coca-Cola ha un pH di 3,2, ma il livello di pH della Cherry Coke è 2,5.

Il pH di tutte le bevande alcoliche cambia a seconda della durata della fermentazione e degli ingredienti. Ad esempio, il pH del vino bianco è intorno a 3, mentre il pH del vino rosso è intorno a 3,8.

Le origini di una particolare marca di tè e caffè possono modificare il livello di pH della tua bevanda, ma in generale sono acide. Anche il modo in cui servi la bevanda fa la differenza. Lo zucchero renderà la tua bevanda più acida, mentre il latte può abbassare l’acidità poiché è più vicino a 7 sulla scala del pH.

Le bevande gassate causano bruciore di stomaco e potrebbe essere necessario evitarle quando si verificano sintomi di reflusso acido.

Puoi preparare un sostituto della bevanda gassata combinando il succo di anguria o l’acqua di cocco con acqua frizzante. Sono meno caloriche e potrai soddisfare la tua voglia di bevande gassate in modo più sano e altrettanto delizioso.

Latticini acidi

Sebbene siano disponibili in tutti i tipi di cose gustose come formaggio e latte, i latticini fanno cose strane al nostro corpo. E non stiamo parlando solo di reflusso acido!

I latticini sono ricchi di grassi che possono peggiorare i sintomi del reflusso acido. Sono anche ricchi di acido lattico e possono devastare il tuo corpo se sei sensibile o intollerante al lattosio.

In effetti, l’intolleranza al lattosio è una causa comune di reflusso acido, quindi consulta il tuo medico se avverti sintomi dopo aver consumato latticini.

Ecco un elenco di acidi latticini che possono essere evitati.

livello di pH dei latticini

  • Yogurt naturale da 4,4 a 4,8
  • Siero da 4,4 a 4,8
  • Formaggio cremoso da 4,4 a 4,9
  • Formaggio feta da 4,5 a 4,7
  • Formaggio Cheddar da 5.1 a 5.4
  • Latte circa 6,5

l pH dei latticini può cambiare leggermente a seconda della marca e della durata del processo di fermentazione.

Sebbene il latte sia vicino a 7, ovvero neutro, contiene acido lattico, che può peggiorare i sintomi che stai riscontrando.

Dovrei provare opzioni non casearie?

Se stai pensando di passare a sostituti non caseari, dovresti ricercare approfonditamente i livelli di acidità delle alternative disponibili. La maggior parte dei formaggi vegani tende ad avere un pH acido (tra 4,1 e 4,6), quindi non sono una buona alternativa. Allo stesso modo, il livello di pH dello yogurt vegano (come lo yogurt a base di soia) è compreso tra 4 e 4,5.

Potresti prendere in considerazione la possibilità di optare per il latte vegetale perché la maggior parte dei marchi sono neutrali. I livelli di pH del latte di cocco e del latte d’avena sono rispettivamente da 6,5 a 7 e da 6,7 a 6,9.

Il latte di mandorle è un po’ più acido degli altri due, con un pH pari a 6, ma è comunque migliore del latte normale poiché non contiene acido lattico.

Spuntini acidi

Abbiamo bisogno di spuntini; abbiamo solo bisogno di loro. Ci confortano, ci accompagnano in un viaggio di piacere e aiutano a regolare i nostri livelli nel sangue prima o dopo un pasto.

Poiché la categoria è ampia e le opzioni infinite, elencheremo quelli più comuni da evitare in caso di reflusso gastrico. Ecco un elenco di snack dolci e salati da cui potresti voler astenervi.

Livello di pH dello spuntino

  • Caramelle gommose 2-3
  • Patatine fritte da 3 a 3,3
  • Patate fritte verso le 5
  • Cioccolato da 5,5 a 6
  • Carne secca da 5,9 a 6,3

Le caramelle gommose sono estremamente acide a causa dell’aroma di frutta che contengono. Dovrebbero assolutamente essere evitati quando si soffre di reflusso acido.

Allo stesso modo, anche i cibi fritti come le patatine fritte e le patate fritte contengono molti grassi trasformati che possono irritare lo stomaco. Dovresti astenervi dal consumarli se avverti sintomi.

Sebbene il cioccolato abbia un pH più elevato, è comunque abbastanza acido da disturbare lo stomaco. Ricca di grassi e carne lavorata, la carne secca può anche causare bruciore di stomaco e aggravare il reflusso acido.

Conclusione

Quando si verificano sintomi di reflusso acido, è meglio evitare cibi acidi. Frutta acida, bevande gassate, latticini e snack contenenti zucchero e cioccolato possono aumentare il disagio.

Puoi dare un’occhiata al latte di mandorle o ai sostituti del latte di mandorle per i latticini non acidi. Per gli spuntini, puoi optare per snack integrali e a pH neutro come i popcorn.

Per quanto riguarda le bevande, puoi prepararne una tua infondendo acqua minerale (pH da 7,1 a 7,5) con acqua di cocco. Il cocco è un frutto non acido (pH 7) che puoi gustare senza preoccupazioni.

Previous article9 Migliori Cesti Natalizi del 2023: Regali Perfetti per le Festività
Next articleMiglior frigo Americano: i 7 TOP per cibo fresco con stile!
Guido Rossi
Guido Rossi è un appassionato del mondo culinario e del benessere alimentare. Nel blog BestEat.it, esplora il vasto universo dei cibi e degli integratori alimentari, mettendo in luce le eccellenze gastronomiche e le opzioni salutari che arricchiscono lo stile di vita di chi lo segue. Condividendo preziosi consigli, recensioni e approfondimenti, Guido guida i lettori nella scelta dei migliori alimenti e integratori, favorendo una vita sana e equilibrata. Attraverso le sue esperienze e ricerche, accompagna i lettori in un viaggio di scoperta verso sapori autentici e scelte alimentari consapevoli. Unisciti a Guido Rossi nell'esplorare il mondo culinario e nell'obiettivo condiviso di raggiungere il massimo benessere attraverso il cibo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here